RICERCA

Link Utili

LA RICERCA TECNICA E SCIENTIFICA DEI MATERIALI E DELLE TECNICHE DI RESTAURO DELLE OPERE D�ARTE

Fin dagli inizi delle attività lavorative lo Studio ha sviluppato la ricerca scientifica; dapprima con lobiettivo di conoscere e testare i comportamenti dei materiali e delle tecniche di restauro impiegate abitualmente nei laboratori, in seguito, da tali conoscenze, è nato il desiderio di perfezionare le tecniche in corso, contestualmente alle possibilità di ricercare tecniche di restauro innovative, con lintento di porre rimedio alle crescenti problematiche di conservazione di opere darte sempre più esposte al degrado.

Questi studi hanno portato i seguenti principali risultati:

a) La costruzione di unapparecchiatura computerizzata, poi brevettata, per lerogazione del calore in ferri riscaldati, termocauteri, ecc. Con questa strumentazione si può operare a partire da temperature di 40 C, in modo stabile, in tutte le condizioni operative. Si possono così eseguire operazioni di restauro con applicazione di calore anche in dipinti molto sensibili alle temperature. Si può sostituire la tavola calda" nella maggior parte delle operazioni di consolidamento, anzi, questa nostra apparecchiatura permette dintervenire efficacemente in dipinti di grandi e grandissime dimensioni che non potrebbero essere contenuti in alcun modo, anche nella più grande tavola calda" inoltre, si possono applicare strisce perimetrali ai dipinti, in luogo della foderatura, applicando calore solo localmente nei bordi delle tele originali e non su tutta lopera come accadrebbe con lutilizzo della tavola calda"

   
Centralina computerizzata per il controllo delle temperature e grande ferro riscaldato in grado di sostituire la tavola calda.

----------------------------------------------------------------
APPROFONDIMENTI:
(a) M. Verdelli, N. Presenti, M. Goretti, Il controllo delle temperature nel restauro delle opere d'arte: metodiche ed innovazioni tecniche, KERMES, 25, 1996.
L. Speranza, M. Verdelli, N. Presenti, Moderne tecniche nelle foderature trasparenti dei dipinti, KERMES, 46, 2002.

b) Lideazione di un nuovo sistema di estrazione dellaria allinterno di un sistema di sottovuoto, come la busta, applicato sia ai dipinti su tela sia alle tavole. Tale sistema moltiplica esponenzialmente lefficacia dei sistemi tradizionali; utilizza, infatti, dei moduli di aspirazione rigidi che creano una sorta di galleria per laspirazione dellaria intorno al dipinto, consentendo di operare efficacemente anche ad un basso grado di vuoto: -10 kPa, circa il 10% del vuoto totale. Questa pressione è garantita in modo uniforme sullintera superficie dellopera.
Si possono eseguire in questo modo il consolidamento e le foderature dei dipinti con resine sintetiche con risultati qualitativi eccellenti e, si possono eseguire consolidamenti generali e settoriali utilizzando consolidanti naturali in delicati dipinti su tavola, senza spiacevoli effetti collaterali dovuti alle pressioni esercitate, come sprofondamenti degli strati pittorici sulle mancanze del supporto o schiacciamenti delle pennellate del colore.

 
Immagine del sistema di controllo del sottovuoto.

c) Ulteriori ricerche hanno considerato studi sullespansione dei consolidanti in sottovuoto e a pressione atmosferica per individuare le pressioni più efficaci e per ottenere la massima distribuzione dei consolidanti naturali (colletta a caldo). Queste pressioni sono state individuate tra -5 kPa e -10 kPa, circa il 5% e il 10% del sottovuoto totale. Inoltre sono state condotte ricerche sul comportamento impermeabilizzante del consolidante di sintesi Plexisol P550 nel trattamento di opere sensibili allumidità

 
Modello di tavola dipinta di 40 cm x 40 cm. Risultati dell'espansione delle iniezioni di 2 ml di colletta colorata di blu. In sottovuoto alle seguenti pressioni: (a) -40 kPa, (b) -20 kPa, (c) -10 kPa. A pressione atmosferica (1, 2, 3, 4).

----------------------------------------------------------------
APPROFONDIMENTI:
(b) - (c) -M. Verdelli, N. Presenti, M. Goretti, Tecniche avanzate di sottovuoto nel restauro dei dipinti, Edifir-Edizioni Firenze, Firenze, 2007.

d) La realizzazione di nuove apparecchiature per lapplicazione del sottovuoto nei dipinti esposti al pubblico, senza doverli rimuovere dalle pareti e dalle cornici, operando alla presenza dei visitatori che possono visionare lopera darte. Con questa attrezzatura si è in grado di consolidare le superfici pittoriche senza rimuovere la vernice finale e i ritocchi di precedenti interventi.

e) Lo svolgimento di proprie ricerche scientifiche in collaborazione con i laboratori di fisica dellOPD e del CNR, con risultati che permettono di rintracciare i consolidanti introdotti allinterno degli strati pittorici dei dipinti su tavola, eseguendo per la prima volta nel campo del restauro dei dipinti mobili riprese radiografiche di consolidanti radiopachi e riprese termografiche di consolidanti con differenze di temperatura rispetto alla superficie del dipinto; in questultimo caso si è potuta letteralmente vedere, in tempo reale, lespansione dei liquidi sotto gli strati pittorici. Questi dati, come è facile dedurre, possono dare un contributo scientifico nella ricerca di tecniche di consolidamento, nel perfezionamento delle stesse, e nel testare il comportamento di consolidanti naturali e di sintesi.

 
Tecnici e apparecchiature del nostro Studio, del CNR e dell'OPD durante la sperimentazione scientifica.
 
Consolidamento del colore con il sottovuoto localizzato sotto il controllo della camera termografica.
 
(a) L'immagine termografica nel momento dell'iniezione della colletta a caldo in sottovuoto localizzato.
(b) La termografia evidenzia la fase di espansione sotto gli strati pittorici del consolidante riscaldato.

----------------------------------------------------------------
APPROFONDIMENTI:
(d) - (e) A. Aldrovandi, N. Presenti, M. Verdelli, Indagini termografiche e sottovuoti localizzati nella conservazione dei dipinti su tavola. Nuove ricerche e risultati. OPD Restauro,18, 2006.
 
Toscana Restauro Arte di Nadia Presenti  Valido XHTML 1.0 Transitional   Toscana Restauro Arte di Nadia Presenti  Valido CSS versione 2.1 !